Benevento, Brignoli: “Idolo dei social, Gattuso…”

Il portiere che ha segnato al Milan: "Mi hanno detto che sembravo Aldo nella scena di 'Tre uomini e una gamba' e hanno ragione".

0
226
Brignoli
Alberto Brignoli esulta per il gol al Milan.

Si chiama Alberto Brignoli l’eroe del Benevento. Ieri con un’incornata da bomber navigato ha regalato ai suoi il pareggio al ’95, quando tutto sembrava ormai perduto. E invece no: Brignoli beffa Donnarumma, il Milan è condannato al 2-2. Ora viene trattato come una superstar, ma lui preferisce stare coi piedi ben piantati per terra.

Alberto Brignoli: l’eroe del Benevento

“Non ti so dire quanti messaggi mi sono arrivati – racconta il portiere del Benevento  Brignoli al programma ‘105 Friends’- Ieri prima della partita avevo 5.000, 6.000 follower su Instagram. Adesso ne ho 31.000, 32.000″. Il numero 1 dei campani ritorna anche sul suo tuffo con avvitamento che è valso il primo punto in A della sua squadra: “Quando stavo per entrare in area, mi è passato davanti il flash del gol che poi ho fatto, dieci secondi prima di farlo, come con la playstation, quando dici ‘Adesso lo muovo’ e poi si muove, quando provi gli schemi sul calcio d’angolo. L’ho visto prima nella mia testa e poi è andata bene. Non ho nemmeno visto il pallone entrare perché ero girato dall’altra parte, l’ho colpito con la nuca. Gattuso? Be’, ha rosicato. Ci sta, al 95° minuto”.

Alberto Brignoli: il portiere goleador del Benevento

Era dal primo aprile 2001 che un portiere non segnava in Serie A: Taibi all’Udinese. Prima lui solo Rigamonti, Sentimenti e Rampulla. Preistoria del pallone. “Mi dispiace per Donnarumma, sono portiere anch’io” – ha raccontato Brignoli alla Gazzetta dello Sport – un giorno racconterò ai miei bambini che gli ho fatto gol. Tra 10 anni si parlerà di Gigio come di Buffon, che è un mio collega per modo di dire. Forse “collega” è esagerato. Io con lui al massimo mi sono allenato quest’estate, perché il mio cartellino è della Juve“, che lo ha prestato al Benevento. Dobbiamo aspettarci che cambi ruolo? “No, non ce la faccio a correre, non ho pazienza”, taglia corto Brignoli.

Benevento, Alberto Brignoli: uno stacco come Aldo

E l’autoironia certamente è un’altra qualità che l’estremo difensore del Benevento possiede. “Mi hanno detto che sembravo Aldo nella scena di ‘Tre uomini e una gamba’ e hanno ragione – ha aggiunto Brignoli -. Ero un po’ storto, ho chiuso gli occhi. Il presidente Vigorito? L’ho visto piangere in spogliatoio, forse si offenderà perché è riservato ma non importa. È la prima volta che ho trovato un presidente che ci parla da persona più anziana e non da capo”.

Views All Time
Views All Time
28
Views Today
Views Today
1

Commenta l

SHARE
Loading...