Cristiano Ronaldo, ecco cosa pensa del Pallone d’oro

0
322

Cristiano Ronaldo e il Pallone d’oro

Alla domanda circa l’assegnazione del prossimo pallone d’oro, Cristiano Ronaldo ha risposto alla domanda posta da France Football dicendo: “L’ho detto mille volte, vincere il sesto Pallone d’Oro non è per me un’ossessione. Non mi faccio la domanda, so già nel mio profondo, senza falsa modestia, di essere uno dei migliori calciatori della storia. Poi certo che vorrei vincerlo ancora, dire il contrario sarebbe una menzogna. Lavoro per questo, per fare gol e vincere tutte le partite, ma senza nessun tipo di ossessione. Penso di meritare il Pallone d’Oro e lavoro duramente per vincerlo. Ma so anche cosa fanno gli altri, i meriti che hanno, e ho molto rispetto per loro. Se non vinco il Pallone d’Oro dormo comunque perché so quanto valgo. I rivali? Ma direi i soliti, anche se non so se Messi sarà presente sul podio questa volta. Diciamo, quindi, Salah, Modric, Griezmann, Varane, Mbappé, ma i francesi in generale, potrebbero essere favoriti, perché sono campioni del Mondo”. Poi Ronaldo ha fatto una riflessione che sa di provocazione, e ha proseguito. “Ma voglio vedere tra 10 anni se tutti questi giocatori saranno ancora al top come me e Messi. Qualcuno vorrebbe fosse la fine di un’epoca, ma non è così. Io sono e sarò sempre lì perché lo merito, per me parlano i numeri e le prestazioni. In campo ad esempio non penso mai al Pallone d’Oro, solo dopo che vinci la Champions League puoi dire che hai possibilità di vincerlo”.

Cristiano tra celebrità ed anonimato

Alla domanda: “Preferiresti essere anonimo o celebre come sei?”, Cristiano Ronaldo ha risposto con molta franchezza. “Se preferirei essere un anonimo Cristiano Aveiro? No, per niente. Non solo l’anonimato non mi manca, ma non sarebbe nemmeno possibile, vista la situazione attuale, quindi nemmeno ci penso. E poi non voglio essere una persona “normale”, sono orgoglioso di quella che è la mia vita, di quello che sono e di cosa ho fatto. La mia vita non è difficile, se penso a quella di coloro che lavorano come matti e non hanno soldi per pagare nemmeno le bollette e mantenere bambini che poi purtroppo soffrono. Sono sicuramente un uomo privilegiato e felice, ma non voglio essere danneggiato per cose che non ho commesso”.

Views All Time
Views All Time
276
Views Today
Views Today
1

Commenta l